Fermentazione e pelle, il prodotto giusto da usare subito!

Vi sembrerà uno strano connubio l’accostare il processo di fermentazione di alcuni prodotti alimentari con il benessere della nostra pelle ma non lo è! Le due cose sono più connesse di quanto sembri. Negli ultimi anni, mi sono interessata molto alla fermentazione. Sono partita dal cibo, ho cercato di capire alcuni processi osservando ciò che avevo intorno a me o che avevo usato dalla nascita senza mai farmi domande. Poi, sono passata alle fermentazioni che non conoscevo e infine ai fermentati che fanno bene non solo al nostro corpo ma anche alla pelle. Oggi, posso tranquillamente affermare che mi sono letteralmente innamorata dei prodotti fermentati e non ho resistito a introdurli tra i prodotti della beauty routine di Saybio.

Sì, lo so, avete già capito, oggi, si parla di fermentazione e pelle, curiose?!

Che cosa è la fermentazione?

La fermentazione è un processo del tutto naturale e consiste nella trasformazione di una sostanza organica in un accumulo di composti più semplici. Avviene attraverso alcuni enzimi (sostanze di natura proteica), a opera di microrganismi viventi (lieviti). Quest’ultimi  ottengono così l’energia necessaria per accrescere e moltiplicarsi. Non è facilissimo capire il processo ma tutto si semplifica se facciamo qualche esempio. Il re delle fermentazioni, giusto per fare un esempio, è il pane; senza il processo di fermentazione il pane non lieviterebbe e saremmo costretti a mangiare pane azzimo sempre. Poi c’è lo yogurt che non è niente altro che latte fermentato e poi birra, vino, aceto, kombucha, crauti e altri mille cibi. Si può dire che da sempre l’uomo ha sfruttato il processo di fermentazione per ottenere il massimo dagli ingredienti più semplici, quelli che aveva a disposizione, e in effetti ha ottenuto dei veri e propri gioielli.

Da tempo, si ritiene che i prodotti fermentati, se somministrati in quantità adeguate, possano apportare benefici evidenti al nostro intestino, ad esempio. I batteri lattici, quelli che troviamo nello yogurt e in tutti i latticini fermentati, rappresentano sostanze “potenzialmente” probiotiche che arricchiscono il microbiota intestinale, favorendo anche il benessere generale del nostro corpo. Un bel vantaggio per la salute!

In poche parole, è come se la fermentazione mettesse il turbo alle sostanze benefiche che si trovano dentro gli alimenti. Da semplici sostanze buone, i principali composti diventano delle super sostanze, potenti e efficaci, con molecole più piccole e di conseguenza più facilmente assorbibili.

Se fa bene al corpo potrebbe fare bene anche alla pelle?!

Abbiamo mangiato e goduto delle proprietà benefiche dei cibi fermentati per millenni ma negli ultimi anni, in Korea, sono stati scoperti i grandi benefici della fermentazione anche sulla pelle. Se, infatti, i componenti degli alimenti diventano con la fermentazione dei super alimenti anche più facili da assorbire allora anche la nostra pelle potrebbe trarne vantaggio!

La fermentazione trasforma gli ingredienti in prodotti più nutrienti, in veri e propri super attivi beauty, perfetti per la pelle! Superpotenziati e dermodisponibili (assorbibili facilmente dalla pelle). Un esempio: l’estratto di vino rosso (alimento fermentato) che contiene attivi più potenti dell’estratto di uva. Anche l’olio di oliva fermentato, possiede un contenuto di acidi grassi omega 6 e omega 9 cinquanta volte in più rispetto alle versione non fermentata. Stessa cosa vale per lo yogurt, il vino, l’aceto e via dicendo.

Considerando che tutti i vegetali possono essere fermentati, quasi tutto può essere potenziato nelle sue qualità benefiche! I fementati si sono rivelati particolarmente utili per mantenere in salute anche il microbioma della pelle. Sulla pelle, infatti, vivono trilioni di batteri buoni, che costituiscono una vera e propria difesa per la cute. Se iniziamo a usarli, vedremo la fine di irritazioni, dermatiti ed eczemi, la barriera cutanea si manterrà intatta e il ph stabile, infine, combattere i radicali liberi sarà molto più semplice.

Cosa offre Saybio?

Saybio ha, tra le sue referenze, un prodotto ricchissimo di fermentati, Si tratta della Bruma Biattiva di Saybio. Ho fatto fermentare tutto ciò che potevo! Se guardate la lista degli ingredienti vi renderete conto che questo prodotto, che altro non sembra che acqua, in verità, contiene tanti tanti ingredienti fermentati. Eccoli alcuni, giusto per farvi qualche esempio: fermentato di mirtillo, malva, rosa canina, salvia, mirto, lentisco e tanti altri per regalare alla nostra pelle tutte le diverse proprietà degli attivi potenziati.

La Bruma si trasformerà subito in un trattamento equilibrante e ripristinante da usare sempre per rendere il mantello acido e il microbioma più forte e sano. Ideale per ricaricare la pelle di sostanze fondamentali necessarie a difenderla dai fattori che la attaccano (inquinamento, luce blu, radicali liberi e sostanze irritanti generate dai raggi UV). Inoltre, riesce a ripristinare i livelli di idratazione e nutrimento. Sarà in grado di rafforzare la barriera cutanea e eliminare il rossore.

Lo step in più che rende la Bruma Biattiva di Saybio il #maipiusenza della vostra routine

Questo aspetto nuovo e inedito della mist di Saybio merita un paragrafo a parte e così eccolo qui per voi. La Bruma Biattiva infatti, oltre ai fermentati che abbiamo spiegato a lungo e spero esaustivamente sopra, contiene anche una piccola percentuale di alfaidrossiacidi. Si tratta degli acidi della frutta che hanno come caratteristica principale, quella, di esfoliare la pelle. Si possono usare in concentrazioni alte e altissime presso il dermatologo oppure fare un esfoliazione dolce ogni giorno usando la Bruma Biattiva. Non brucia ma esfolia dolcemente ogni giorno, regalandoci una pelle luminosa dopo poche applicazioni. La Bruma Biattiva diventerà così il prodotto #maipiùsenza della nostra routine quotidiana.


Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00