Idratazione

L’idratazione, prima di tutto!

Hai aspettato l’estate tutto l’anno e finalmente il sole è arrivato! Generalmente, all’inizio godiamo piacevolmente delle temperature più calde ma poi mano a mano che salgono, anche molto, rischiamo di soffrirne un po’ e di accusare qualche fastidio. Ecco un promemoria, senza presunzione alcuna, per evitare il primo e il più comune dei disagi: la disidratazione.

Idratazione, perché è importante?

Avrai letto di sicuro che bere almeno otto bicchieri d’acqua al giorno è la quantità minima d’acqua che dovremmo ingerire oltre a quella che immettiamo nel corpo mangiando. Il nostro corpo è composto per il 60% di acqua e tutti gli organi interni e esterni dipendono dall’apporto di quest’ultima per funzionare correttamente. Bevendo, si rimane idratate, tutte le parti del corpo cellule, tessuti e organi usano l’acqua per regolare la temperatura, eliminare le tossine e lubrificare le articolazioni. L’idratazione costante può regalare alla pelle un aspetto più sano, favorire la perdita di peso e migliorare l’umore generale.

Bere prima di avere di avere sete

Per capire quanto bere bisogna ragionare in termini di bilancio tra l’acqua che si perde e quella che si assume. Le uscite consistono in sudore, vapore acqueo dalla bocca, feci e urine. Le entrate invece nell’acqua che si beve e in quella dei cibi che mangiamo.

Ogni giorno un adulto perde circa 600-1000 ml di acqua fra vapore acqueo e l’acqua persa attraverso la cute per espirazione ma molto dipende dalla temperatura, sia di quella corporea sia di quella esterna. Ecco perché d’estate bisogna bere di più, basta un aumento della temperatura corporea di 2°C che l’evaporazione aumenta a sua volta del 50%. Il meccanismo della sete, regolato dall’ipotalamo, mantiene l’equilibrio idrico del corpo. La sete  regola la quantità di acqua da ingerire ma spesso interviene solo quando la perdita di acqua è già stata tale da provocare i primi effetti negativi. Ecco perché dobbiamo bere prima di avere sete.

Questa è la regola aurea che ho imparato quando ho iniziato a fare lunghe camminate in montagna d’estate e in effetti, funziona.

Cosa succede se non sei idratato?

Quando sei disidratato, è normale notare una diminuzione dei livelli di energia, che porta a sonnolenza, affaticamento, malumore e intontimento. In una tale condizione di confusione chiunque è più incline a commettere errori.

In casi estremi, la disidratazione grave o prolungata porterà effetti devastanti al corpo. Questi effetti possono includere lo sviluppo di calcoli renali, svenimenti, il calo della pressione sanguigna, il surriscaldamento e persino la morte.

Una regola che non vale sempre per tutti

La regola degli otto bicchieri

Sapevi che il consiglio di bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno è corretto solo in parte? La quantità di acqua consumata in un giorno dipende dalla persona e dalle circostanze. Ad esempio, potresti dover consumare più di otto bicchieri per rimanere idratato se ti sei allenato o hai trascorso una lunga giornata al sole. Per le altre persone, sono sufficienti meno di otto bicchieri per rimanere idratati, ma dovresti raggiungere almeno i 5-6 bicchieri d’acqua al giorno.

Bere troppo fa male

Un altro mito da sfatare è quello per cui si pensa che più bevi meglio è. Se bevi una bottiglia d’acqua da due litri in un lasso di tempo troppo breve, l’acqua non verrà assorbita correttamente dal corpo e andrà a finire tutta nella vescica velocemente. Generalmente occorrono circa 45 minuti affinché il corpo si reidrati e quando si beve una quantità eccessiva di acqua, in poco tempo, l’unico beneficio ce lo avrà la nostra vescica con un’incontenibile voglia di andare in bagno.

Come si fa a conoscere idratazione, disidratazione o iperidratazione?


Il colore della nostra urina è l’indicatore più accurato per capire se sei idratato, disidratato o iperidratato. Sotto: i tre casi possibili da osservare, per capire il nostro stato di idratazione:

1 Quando sei idratato, noterai quanto segue: urina di colore giallo chiaro e ripetuti viaggi in bagno, riduzione dell’appetito dovuta alla sensazione di sazietà, perdita di peso e un aumento di energia e umore oltre al normale corpo funzioni.

2 Quando sei disidratato, la risposta alla sete del tuo corpo si innescherà e ti farà sentire arido o assetato. Altri sintomi evidenti possono includere: urina scarsa o assente o di colore scuro (giallo brillante o ambra), secchezza delle fauci, mal di testa, confusione, vertigini e persino, in casi davvero estremi, nessuna produzione di lacrime quando si piange.

3 Quando sei eccessivamente idratato, la tua urina è incolore. Altri sintomi possono includere confusione, nausea e vomito. In casi estremi, l’eccessiva idratazione non trattata può provocare spasmi muscolari.

Quindi, di fatto, è meglio bere acqua con moderazione e usando il cervello per evitare l’eccessiva idratazione o l’eccessiva la disidratazione.

L’idratazione della pelle, come fare?

La pelle contiene circa il 20% d’acqua e con il suo mantello idrolipidico è la nostra barriera contro gli agenti esterni. E’ importante mantenere sana questa linea difensiva tra l’interno e l’esterno del nostro corpo, prevenendo l’insorgenza di problemi quali pelle secca, arrossamenti, screpolature, desquamazioni. Una corretta idratazione mantiene la pelle giovane in quanto l’acido ialuronico, contenuto naturalmente nella pelle, trattiene l’acqua facendola diventare più luminosa, elastica e soprattutto mantenendo un aspetto giovane. E’ dimostrato che l’invecchiamento cutaneo è strettamente legato all’acqua, in quanto con l’età la pelle tende a perdere la sua capacità di trattenerla.
Stessa cosa vale per unghie e capelli che beneficiano ugualmente dell’azione dell’acqua: i capelli saranno più idratati, diventando forti e robusti e le unghie più forti e lucide. Al contrario, senza un’adeguata idratazione diventeranno fragili, opachi e tenderanno a cadere, i capelli e a spezzarsi, le unghie.
Infine, l’acqua aiuta a combattere la cellulite grazie alla sua azione diuretica che elimina le tossine e attenua il ristagno dei liquidi e delle scorie nei tessuti, diminuendo il gonfiore alle gambe e, sul viso, contrastando la comparsa delle borse sotto gli occhi.

Possiamo dunque bere, magari a determinate ore della giornata. Esistono app per il telefono che ci mandano un remind ogni volta che è il momento di bere oppure possiamo organizzarci da sole. Inoltre, per migliorare la nostra pelle e mantenerla turgida e ben idratata, possiamo usare prodotti a base di acido ialuronico. Il siero rigenerante di Saybio, ad esempio, è a base di acido iauronico da fonte vegetale e permette di mantenere il livello di idratazione costante evitando così dispersione di acqua. Un bell’aiuto durante la stagione estiva senza considerare che levigherà la pelle del viso e del collo e avrete un aspetto normalizzato e fresco, senza bisogno di niente altro!

Cosa possiamo mangiare o bere per rimanere idratati?

Bere acqua è la cosa migliore per rimanere idratati ma sicuramente ci sono anche altre bevande e cibi che possono contribuire all’assunzione giornaliera di acqua. Sì, anche il caffè e il tè aumentano la quantità di acqua che consumi in un giorno, anche se potrebbero farti andare spesso in bagno o darti un po’ troppa eccitazione. Anche le bevande energetiche e persino le zuppe e il brodo sono alternative utilizzabili per idratare il corpo.

L’acqua si trova anche nella frutta e nella verdura, ma alcuni tipi contengono più acqua di altri. Ecco un elenco di frutta e verdura con cui fare uno spuntino e mantenersi idratati:

FRUTTA

Un piccolo elenco di frutti composti da un’alta percentuale di acqua che possono esserci di aiuto durante l’estate. Da magiare da soli o per preparare bevande dissetanti e fresche.
Fragole_ queste bacche dolci e succose hanno un contenuto di acqua del 91%, il che le rende le migliori bacche idratanti. Le fragole sono ricche di antiossidanti, vitamina C e fibre.
Melone_ ha un contenuto di acqua del 90,40% e è ricco di vitamine A e C. Per un’ idratazione più gustosa potresti frullare il melone con succo d’arancia e menta per un frullato estivo.
Pompelmo_ con il 90,5% di contenuto di acqua, i pompelmi sono superfrutti che possono abbassare il colesterolo e bruciare i grassi. I pompelmi sono un’ottima fonte di vitamina A e vitamina C e possono aiutare a ridurre l’appetito.
Anguria_ con la parola “acqua” nel nome, non c’è da meravigliarsi se questo frutto sia perfetto per reidratarsi durante le calde giornate estive. Con un contenuto di acqua del 91,5%, le angurie sono anche ricche di licopene, un antiossidante che combatte il cancro presente nei frutti rossi e nelle verdure. Per una spinta extra di potere idratante, crea un’acqua aromatizzata con cubetti di anguria in una brocca d’acqua fredda.
Carambola_ questo frutto insolito, tropicale ma che si trova anche in Italia (è coltivato, come buona parte dei frutti tropicali, in Sicilia) è molto intrigante e da scoprire i cucina. Ha un contenuto di acqua del 91,4% ed è ricco di antiossidanti tra cui l’epicatechina (che si trova anche nel vino rosso, nel cioccolato fondente e nel tè verde) che fa bene al cuore e alla crescita muscolare. Assolutamente da conoscere al più presto!

VERDURA

Cetrioli_ hanno un enorme contenuto di acqua del 96,7%, il più alto di tutte le verdure esistenti. I cetrioli sono un’ottima fonte di vitamina K (aiuta la coagulazione del sangue), potassio, manganese e vitamine C e B1.
Lattuga Iceberg_ questa verdura ha un contenuto di acqua del 95,6% ed è la verdura ideale per reidratare il corpo. Sebbene non contenga tanti nutrienti quanto le verdure a foglia scura come gli spinaci, le lattughe iceberg hanno vitamina A, vitamina C, calcio e ferro.
Ravanelli_ hanno un contenuto di acqua del 95,3% e sono ricchi di antiossidanti, inclusa la catechina (un antiossidante che combatte le malattie che si trova anche nel tè verde).
Sedano_ con il 95,4% di acqua, i sedani sono ricchi di fibre e acqua e sono perfetti per aumentare l’idratazione. I sedani contengono anche folato (buono per la gravidanza!) e vitamine A, C e K, che aiutano a regolare le normali funzioni.
Pomodoro_ il pomodoro è il re dell’estate! Ha un contenuto di acqua del 94,5% ed è noto per il suo gusto straordinario. I pomodori sono anche ricchi di vitamina E, B6, acido folico e vitamine A, C e K e ce ne sono di tantissimi tipi diversi per soddisfare ogni palato. Si può bere, trasformandolo in un ottimo e rinfrescante succo o magiare a pezzi in insalata, dando spazio alla nostre fantasie culinarie.

Idee per idratarsi ne abbiamo?!

Bevete acqua ma divertitevi a idratare il vostro corpo e la vostra pelle anche con bevande alternative, tè, tisane, centrifugati, frullati, insalate, zuppe fredde. Prendete spunto dalla cucina mediterranea che ha tante ricette fresche e ricchissime di verdure. Dall’insalata greca al gazpacho, dal te freddo al caffè shakerato, passando per le semplicissime e fantasiose acque aromatizzate.

Provatele! Ci vuole pochissimo a farle: due foglie di menta, acqua fresca o cubetti di ghiaccio, limone a fette o cubetti di cetriolo o di fragola. Lasciate in infusione per una trentina di minuti e bevete! Enjoy!

Photo by Julia Zolotova on Unsplash

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00